Mutuo giovani: tutte le agevolazioni disponibili

Mutuo giovani: tutte le agevolazioni disponibili

Fondo mutuo giovaniIl nuovo Fondo mutuo giovani è stato creato dal governo per sopperire alla mancanza di garanzie da parte di alcuni soggetti che vorrebbero stipulare un mutuo per acquistare la prima casa ma sono carenti dei requisiti previsti a causa di un reddito troppo basso o di un contratto lavorativo precario Possono accedere a questa agevolazione solo i maggiorenni e coloro che risiedono nel territorio italiano. Basilare è anche il possesso di un contratto lavorativo a tempo indeterminato e una busta paga capiente per pagare la rata del mutuo.

Ecco in cosa consiste il Fondo mutuo giovani e quali sono i soggetti che possono beneficiarne.

Fondo mutuo giovaniIl fondo mutuio giovani coppie è stato introdotto nel 2011 e successivamente è confluito nel fondo garanzia statale mutui, proprio per l’incremento del numero degli under 35 sprovvisti di un reddito sufficiente per contrarre un mutuo per l’acquisto della casa. Attraverso questo fondo si può accedere a un finanziamento per la prima casa anche in assenza di un contratto a tempo indeterminato, e di conseguenza anche la detrazione Irpef degli interessi passivi per quanto concerne la dichiarazione dei redditi. Si tratta di una garanzia statale sul 50% della quota capitale del finanziamento erogato.are la domanda

Fondo mutuo giovaniFondo mutuo giovaniChi presenta la domanda dovrà certificare che il proprio nucleo familiare non possiede altri immobili a uso abitativo. La ragione per la quale è stata creata questa agevolazione è, infatti, quella di tutelare l’acquisto dell’abitazione principale. L’abitazione da acquistare dovrà essere ubicata sul territorio nazionale e non dovrà avere un valore superiore ai 250 mila euro e non rientri nelle categorie “di lusso” A1, A8 e A9.
Per quanto concerne la coppia che ne fa richiesta di accesso al fondo mutuo giovani, è esseziale non avere più di 35 anni e che il nucleo familiare sia stato costituito da almeno tre anni. Con l’entrata in vigore della legge Cirinnà sulle coppie di fatto, è stato consentito l’accesso al Fondo anche alle coppie non sposate.